Monthly Archives: February 2017

In arrivo gli incentivi per la digitalizzazione

The Big Data deluge - A businessman tries to crunch the numbersSolo alcuni giorni fa abbiamo pubblicato un approfondimento sul percorso verso la digitalizzazione delle piccole e medie imprese, e a partire da domani sarà possibile accedere agli incentivi per l’incremento della manifattura digitale e l’efficienza del sistema imprenditoriale.

Andiamo a guardare da vicino le novità principali.

Per ottenere i finanziamenti, nella compilazione del modulo di richiesta (‘release 4.0’) le aziende dovranno specificare la ripartizione tra investimenti ordinari e investimenti in tecnologie digitali; le domande inoltrate attraverso il vecchio modulo non saranno più considerate valide.

Iper-ammortamento: prevede la supervalutazione del 250% degli investimenti in beni materiali nuovi, in dispositivi e tecnologie volte alla trasformazione dell’impresa in chiave 4.0 (sia acquistati che in leasing).

Super-ammortamento: supervalutazione al 140% degli investimenti in beni strumentali (anche qui, acquistati o in leasing); per i beneficiari dell’iper-ammortamento, è prevista la possibilità di fruire dell’agevolazione anche per beni strumentali immateriali come software e sistemi IT.

I nuovi incentivi promettono di accelerare il processo di digitalizzazione delle imprese italiane, anche se una recente ricerca ha evidenziato che a mancare sono le competenze digitali dei lavoratori italiani: per far partire davvero la digital economy, è quindi necessaria una strategia mirata e a 360°.

Fonti:

Corriere Comunicazioni

Key4Biz

Risorse #2: strumenti per il Data Scientist

header3

Vogliamo mettere a punto un archivio quanto più completo delle migliori risorse gratuite reperibili online in materia di Computer e Data Science, Data Analysis e altro. Pubblicheremo i link con cadenza settimanale, che saranno poi raccolti nella sezione Resources.

Una panoramica completa e approfondita, realizzata nell’ambito del corso di Data Science della John Hopkins University, comprensiva di una parte prettamente teorica e di una pratica.

È possibile scaricarla al link qui di seguito.

PMI e digitalizzazione: a che punto siamo?

Cloud Computing ConceptÈ il cloud il cavallo di battaglia delle piccole e medie imprese che scelgono di investire nell’innovazione del digital, ma i numeri potrebbero comunque migliorare.
Meno del 10% delle aziende sono andate oltre il primo livello di integrazione, utilizzando i dati per l’ottimizzazione del business.

Barry Padgett, presidente del Smb team di Sap , sottolinea che

Le aziende più piccole si rivelano proattive e strategiche nel modo in cui investono nelle tecnologie digitali. Questi investimenti, molti dei quali hanno requisiti minimi in termini di impiego di capitale e di personale IT, offrono opportunità uniche per scalabilità ed efficienza, fornendo l’accesso a funzionalità che una volta non erano alla portata delle piccole imprese.

In crescita la diffusione di soluzioni CRM, software collaborativi ed e-commerce, soprattutto se erogate via Cloud, che risultano essere uno strumento fondamentale per la crescita ed il successo.

Per approfondimenti, leggi l’articolo su corrierecomunicazioni.it

Risorse #1: le basi di Data Science

header3

Vogliamo mettere a punto un archivio quanto più completo delle migliori risorse gratuite reperibili online in materia di Computer e Data Science, Data Analysis e altro. Pubblicheremo i link con cadenza settimanale, che saranno poi raccolti nella sezione Resources.

Il dipartimento di Computer Science della Stanford University ha messo a disposizione un manuale completo con i rudimenti di Data Science.

Pensato per fruitori non in possesso di conoscenze specialistiche in materia, il volume è suddiviso in capitoli che è possibile scaricare in formato .pdf dal link qui di seguito.

I consigli di Google per la sicurezza online

E-mail, social networks, online banking: gli account che contengono informazioni sensibili è in progressivo aumento, e la scelta di password sicure che proteggano al meglio i nostri dati è fondamentale.

Anche un colosso dell’informatica come Google è sceso in campo per sensibilizzare gli utenti in materia di protezione delle informazioni, dando alcuni consigli utili come ad esempio l’utilizzo di una frase che nessun altro conosce in modo che la password sia al tempo stesso sufficientemente lunga e non impossibile da ricordare.

O ancora, l’utilizzo di App come Smart Lock o la doppia autenticazione.

On-Line Security Illustration with Virtual PadlockIl portavoce dell’azienda sottolinea che “la sicurezza è questione di livelli: un ulteriore livello di sicurezza, come la verifica in due passaggi, è uno strumento altrettanto utile”.

Si potrebbe pensare che i Millennials, cresciuti circondati da dispositivi elettronici con accesso ad internet, siano più informati e attenti in materia di protezione dei dati, ma non è proprio così: da un sondaggio condotto da YouGov per Google è emerso che più della metà dei Millennials utilizza una sola password per tutti gli account e che il 19% di loro utilizza soluzioni poco sicure, come la parola “password”.

In una realtà in cui anche le informazioni più private, come ad esempio i dati bancari o quelli medici, sono conservati su internet, la scelta di una password sicura e l’utilizzo di applicazioni ed estensioni progettate per aumentare la sicurezza online è quasi imprescindibile.

Leggi anche: Come e quanto proteggiamo le informazioni che inseriamo online?

Fonte: Adkronos